Home   UniTre Abenga Primavera Albenga Estate Borghetto d'Arroscia Montegrosso Pian Latte Contatto
La favola di Fior di Mosaico
Lupo

Favola dei fiori

C’era una volta una principessa molto bella, ma anche molto viziata, alla quale le cose non piacevano mai a lungo, infatti si stufava subito e si annoiava – e quando si annoiava in lei nasceva un tale malumore che non le consentiva di fare più niente. Non si alzava nemmeno e litigava con tutti, facendo così soffrire anche gli altri.

La finestra della camera della principessa guardava verso il giardino del castello, dove per rasserenare la figlia del re, il giardiniere coltivava e curava i più bei fiori del mondo, ma non c’era niente da fare perché dopo poco più di un giorno la principessa si annoiava nuovamente e la nuvola del suo malcontento faceva appassire tutti i fiori sbocciati intorno al castello.

Il giardiniere era proprio disperato, quindi, visto che non poteva piantare niente perché le piante si sciupavano subito, si mise a coltivare soltanto delle piantine con tanti fiori colorati in vasetti. Purtroppo, però, dopo un giorno anche questi facevano la stessa fine e li doveva buttare. Era dispiaciuto non solo per lo spreco, ma provava una gran pena anche per i fiori sciupati anzitempo rispetto alla loro durata naturale.

Un bel giorno, di lì, passò un artista senza lavoro il quale vedendo la disperazione del giardiniere gli fece una proposta: “Ti posso aiutare io. Invece di buttare i fiori, potrei spostarli ogni notte e sistemarli in un altro modo, così che ogni giorno la principessa possa vedere un quadro nuovo e divertirsi allontanando così sia la noia che la nuvola nociva. Il giardiniere, contento, promise all’artista un posto per dormire e mangiare e quest’ultimo si mise all’opera. Ogni sera si inventava un quadro diverso sistemando i vasi in un nuovo mosaico. Ora la principessa non si stufava più, anzi! Al mattino si alzava presto per vedere il nuovo quadro sotto la finestra ed ogni volta si rallegrava emanando intorno nuvole rosa che creavano gioia e serenità in tutto il paese. L’artista diventò famoso perché con la sua arte procurava non solo benessere alla principessa, ma il suo buonumore irradiava il bene in tutto il regno. Si racconta che, alla fine, la principessa abbia sposato l’artista, ma forse non è così poiché gli artisti amano più la loro libertà delle principesse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

»powered by netzstat!